Sfoglia FAQ Argomenti

Droni

  • Operazioni Critiche

    Per operazioni specializzate critiche si intendono quelle operazioni che non rispettano, anche solo parzialmente, le condizioni che descrivono le Operazioni Non Critiche.

  • Operazioni Non Critiche

    Per operazioni specializzate non critiche si intendono quelle operazioni condotte in VLOS che non prevedono il sorvolo, anche in caso di avarie e malfunzionamenti, di:

    ð aree congestionate, assembramenti di persone, agglomerati urbani

    ð infrastrutture sensibili.

  • Detect and Avoid (D&A) o Sense and Avoid (S&A)

    La capacità del pilota, tramite sistemi, di evitare collisioni a terra con veicoli ed aeromobili e collisioni in volo con altri utilizzatori dello spazio aereo, di rispettare le regole dell’aria, di evitare collisioni con il terreno, di evitare condizioni meteorologiche avverse, di rispettare i segnali visivi e di mantenere la pertinente visibilità e distanza dalle nubi in modo equivalente al See and Avoid previsto per gli aeromobili con pilota a bordo

  • To be seen

    La proprietà di un APR per le sue dimensioni e caratteristiche di essere avvistato analoga a quelle di un aeromobile con pilota a bordo ai fini del rispetto delle regole dell’aria

  • Spazio Indoor

    Spazio confinato all’interno di luoghi chiusi

  • Sistema autonomo

    SAPR per il quale il pilota non ha possibilità di controllare il volo del mezzo intervenendo in tempo reale

  • See and avoid

    La capacità del pilota, tramite visione diretta, di evitare collisioni a terra con veicoli ed aeromobili, in volo con altri utilizzatori dello spazio aereo, di rispettare le regole dell’aria, di evitare condizioni meteorologiche avverse, di riconoscere segnali visivi, di mantenere la pertinente distanza dalle nubi

  • Pilota remoto

    Persona responsabile della condotta del volo, che mediante una stazione di controllo a terra, agisce sui comandi di volo di un APR

  • Osservatore SAPR

    Persona designata dall’operatore che, anche attraverso l’osservazione visiva dell’aeromobile a pilotaggio remoto, può assistere il pilota remoto nella condotta del volo

     

  • Extended Visual Line Of Sight (EVLOS)

    Operazioni condotte in aree le cui dimensioni superano i limiti delle condizioni VLOS e per le quali i requisiti del VLOS sono soddisfatti con l’uso di metodi alternativi

  • Visual Line of Sight (VLOS)

    Operazioni condotte entro una distanza, sia orizzontale che verticale, tale per cui il pilota remoto è in grado di mantenere il contatto visivo continuativo con il mezzo aereo, senza aiuto di strumenti per aumentare la vista, tale da consentirgli un controllo diretto del mezzo per gestire il volo, mantenere le separazioni ed evitare collisioni

  • Operazioni Specializzate

    Attività che prevedono l’effettuazione, con un SAPR, di un servizio professionale a titolo oneroso o meno, quale ad esempio: riprese cinematografiche, televisive e servizi fotografici, sorveglianza del territorio o di impianti, monitoraggio ambientale, impieghi agricoli, fotogrammetria, pubblicità, addestramento

  • Massa operativa al decollo

    Valore di massa al decollo dell’APR in configurazione operativa, incluso il pay load (apparecchiature e istallazioni necessarie per lo svolgimento delle operazioni previste).

  • Beyond Line Of Sight (BLOS)

    Operazioni condotte ad una distanza che non consente al pilota remoto di rimanere in contatto visivo diretto e costante con il mezzo aereo, che non consente di gestire il volo, mantenere le separazioni ed evitare collisioni

  • Area di buffer

    Area intorno a quella delle operazioni, stabilita per garantire i livelli di safety applicabili per la tipologia di operazioni.

    Tale area, deve avere caratteristiche analoghe a quella delle operazioni, l’adeguatezza delle sue dimensioni è determinata attraverso la valutazione dei possibili comportamenti dell’APR in caso di malfunzionamenti

  • Aree congestionate

    Aree o agglomerati usati come zone residenziali, industriali, commerciali, sportive, e in generale aree dove si possono avere assembramenti, anche temporanei di persone.

  • APR – Aeromobile a Pilotaggio Remoto

    Mezzo aereo a pilotaggio remoto senza persone a bordo, non utilizzato per fini ricreativi e sportivi.

  • SAPR – Sistema Aeromobile a pilotaggio Remoto

    Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto

Fotogrammetria

  • Fotogramma Stereometrico

    Il fotogramma stereometrico è un tipo di supporto stereoscopico costituito da una coppia di immagini fotografiche ottenute con una camera metrica disposta successivamente in due posizioni tali da fornire una particolare fotografia stereoscopica (ovvero tridimensionale), che fa ricorso alla stereoscopia artificiale e consente, oltre alla visione del modello tridimensionale, di rilevare forma, posizione e dimensioni dell’oggetto fotografato.

  • Topografia

    La topografia (dal greco topos, luogo e graphein, scrivere) è la scienza che studia gli strumenti ed i metodi operativi, sia di calcolo sia di disegno, che sono necessari per ottenere una rappresentazione grafica, più o meno particolareggiata, di una parte della superficie terrestre.

  • Strisciata

    Scatti fotografici effettuati in successione ed a intervalli regolari

  • Orientamento assoluto

    Ricostruzione della posizione dell’insieme delle due immagini rispetto al terreno

  • Orientamento relativo

    Ricostruzione della posizione reciproca delle immagini

  • Triangolazione aerea

    Procedimento che consente la ricostruzione simultanea dell’orientamento di un intero blocco fotogrammetrico, a partire dall’individuazione preventiva delle coordinate di una serie di punti di appoggio a terra presenti in più immagini del blocco

  • Orientamento esterno

    Processo di ricostruzione della geometria delle immagini in relazione alla superficie terrestre

  • Modello steresoscopico

    Descrizione in termini geometrici della posizione reciproca di due o più immagini tra di loro ed in relazione al terreno.

    La visione stereoscopica consente di riconoscere la posizione relativa e l’altezza di un’entità sul territorio, questo tramite l’individuazione su ciascun fotogramma dei punti di appoggio

  • Stereocoppia

    Insieme di due fotogrammi successivi di una medesima strisciata

  • Fotogrammetria

    La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di acquisire dei dati metrici di un oggetto (forma e posizione) tramite l’acquisizione e l’analisi di una coppia di fotogrammi stereometrici.

  • Curva di Livello

    Curva che unisce punti con uguale quota, ovvero uguale distanza verticale dal piano di riferimento al quale è stato attribuito quota zero; se sono sopra il livello del mare si chiameranno isoipse mentre al contrario isobate.

  • DTM: Modello Digitale del Terreno

    Il modello digitale del terreno (DTM, dall’inglese Digital Terrain Model), a differenza del DEM, è ottenuto dall’interpolazione delle curve di livello. Esso è spesso confuso con il DEM e la principale differenza tra i due modelli risiede nel fatto che il DEM tiene conto di tutti gli oggetti insistenti sul terreno (vegetazione, edifici ed altri manufatti) mentre il DTM riproduce l’andamento della superficie geodetica. La differenza tra i due modelli è più evidente in zone urbanizzate dove prevalgono edifici molto alti

  • DEM: Modello Digitale di Elevazione

    Rappresentazione della distribuzione delle quote di un territorio o di un’altra superficie in formato digitale

  • Rilievo Topografico

    Rappresentazione in scala di un edificio o di una zona

  • Georeferenziazione

    Per georeferenziazione si intende l’attribuzione a un dato di un’informazione relativa alla sua dislocazione geografica; tale posizione è espressa in un particolare sistema geodetico di riferimento.

  • Ortofoto

    Una ortofoto o ortofotografia è una fotografia aerea che è stata geometricamente corretta (cioè che ha subito procedimento di ortorettifica) e georeferenziata in modo tale che la scala di rappresentazione della fotografia sia uniforme, cioè la foto può essere considerata equivalente ad una mappa.

Spettrometria

  • Spettrometria di massa

    La spettrometria di massa è una tecnica analitica applicata sia all’identificazione di sostanze sconosciute, sia all’analisi in tracce di sostanze.

    Il principio su cui si basa la spettrometria di massa è la possibilità di separare una miscela di ioni in funzione del loro rapporto massa/carica generalmente tramite campi magnetici statici o oscillanti. Tale miscela è ottenuta ionizzando le molecole del campione, principalmente facendo loro attraversare un fascio di elettroni ad energia nota. Le molecole così ionizzate sono instabili e si frammentano in ioni più leggeri secondo schemi tipici in funzione della loro struttura chimica.

    Il diagramma che riporta l’abbondanza di ogni ione in funzione del rapporto massa/carica è il cosiddetto spettro di massa, tipico di ogni composto in quanto direttamente correlato alla sua struttura chimica ed alle condizioni di ionizzazione cui è stato sottoposto.

Termografia

  • Indagine Termografica

    Misura delle anomalie di distribuzione delle temperature superficiali dell’oggetto in esame

  • Termografia

    Tecnica di analisi non distruttiva che si basa sull’acquisizione di immagini nell’infrarosso.

    La termografia a infrarosso consente di rilevare la temperatura dei corpi analizzati attraverso la misurazione dell’intensità di radiazione infrarossa emessa dal corpo in esame